06 | PECOLET

Pecolet

La baracca austriaca presente in località “ Pecolet “ rappresenta una delle poche testimonianze di costruzioni lignee presenti sul territorio risalenti al primo conflitto mondiale. La baracca costruita nel 1918 dai soldati austroungarici, con robuste tavole di castagno rivestite di carta catramata, era adibita a dormitorio per un cospicuo numero di soldati. Alla fine del conflitto la struttura era ancora intatta e al suo interno erano presenti diversi oggetti e utensili appartenuti ai soldati.

La famiglia Rizzotto, proprietaria della struttura , nel primo dopoguerra la riutilizzò come stalla per le vacche costruendo a fianco una piccola struttura di sassi. Nel corso del tempo la baracca è stata oggetto di restauri e manutenzioni ed oggi è utilizzata come baita. Si sono conservati il perimetro con le tavole e i chiodi originali.

Nei diari di guerra si racconta la dura vita in baracca. La convivenza forzata in spazi ridotti, sporchi e maleodoranti, i vestiti infestati da pidocchi, lo scarso cibo, rendevano le giornate dei militari davvero difficili. Solo nei passi più romantici dei diari vengono raccontate immagini di cartoline appese ai muri, l’odore del tabacco delle pipe, dello speck e dell’immancabile sego usatissimo dalle truppe austroungariche per ingrassare scarpe e i materiali in cuoio.


Schermata 2015-10-29 alle 10.54.01